CBD e animali domestici: innumerevoli benefici terapeutici

 

Abbiamo parlato negli scorsi articoli dei tantissimi benefici del CBD per la salute, la vita di coppia e la serenità quotidiana.
Ma forse non tutti sanno che il CBD, il cannabidiolo non psicoattivo presente nella cannabis, viene utilizzato non solo per curare gli esseri umani, ma anche cani, gatti e altri animali.
Viene somministrato generalmente in caso di alcune condizioni come ansia, dolore, infiammazioni e tumori che non rispondono alle normali terapie farmacologiche.
Questa pratica, molto diffusa tra i veterinari d’Oltreoceano (vista anche la legalizzazione della sostanza in molti paesi dell’USA), nel nostro Paese è ancora raramente applicata, per quanto il CBD attualmente sia commercializzabile. Ma entriamo nello specifico: in cosa consiste la cannabis terapeutica per gli animali domestici? Come viene somministrata?

Il CBD viene somministrato o sotto forma di pastiglie (anche se il dosaggio appare più complicato) o di olio (che al contrario permette un dosaggio preciso).
La quantità somministrata può infatti variare a seconda dei casi e della risposta del soggetto.

In Italia l’utilizzo della cannabis terapeutica per cani e gatti è legata al nome della veterinaria Elena Battaglia, che esercita in provincia di Savona, e che ha iniziato a girare tutto il Paese in diversi convegni e conferenze per parlare dei risultati del suo lavoro.
Come spiega la dottoressa, Ho deciso di provarlo sulla mia cagna che aveva 18 anni e faceva proprio fatica ad alzarsi: avevo già provato antinfiammatori e cortisone ed avevano avuto poco effetto; era l’ultima speranza. Con questo prodotto sembrava che invece che 18 ne avesse 14 di anni perchè si alzava, riusciva a camminare tranquillamente ed erano quasi spariti tutti i grossi problemi che l’affliggevano.
Nello specifico, secondo la Battaglia, il CBD funziona benissimo per gli animali, su artrosi, dolore e come antinfiammatorio.
Se vi state chiedendo se in Italia è possibile avere una prescrizione dal proprio veterinario di prodotti a base di CBD, la risposta è assolutamente sì!